La Schola esiste dal 1978. La prima sede fu un piccolo casale del 1600 situato a Morosolo, in provincia di Varese. Pochi anni dopo sono stati costruiti, non lontano dal vecchio luogo, due edifici appositamente studiati per le attività dei ragazzi. La Schola è nata da un'idea di Tullio Castellani (www.centrocoscienza.it): realizzare un ambiente educativo in cui i giovani possano coltivare il senso di responsabilità, e quindi conquistare una vera autonomia.

Dal 1978 a oggi la Schola ha ospitato oltre 150 ragazzi. Attualmente, data l'impostazione formativa, La Schola è riservata a pochi giovani. Vi si entra mediante una selezione in cui si verifica che i candidati sentano l'interesse per questa vita, ma soprattutto che i genitori abbiano la consapevolezza che, mandandovi i figli, si impegnano a loro volta in una formazione di sé. I genitori, infatti, sono impegnati a partecipare ad attività e riunioni con cadenza mensile.

Alcuni educatori fanno parte del gruppo di quei giovani che la vollero negli anni settanta, altri sono ex allievi, impegnati in diverse professioni, che vogliono trasmettere ai giovani di oggi quelle esperienze di crescita che hanno contribuito alla loro formazione e che ora reputano fondamentali per la loro vita. A questi si sono aggiunti nuovi educatori con competenze professionali più specifiche. Giuridicamente La Schola è un'associazione senza fini di lucro che si sostiene con quote di associazione, integrate dai versamenti di Amici, sostegno fondamentale perché l'ambiente esista.

L'educazione dei giovani

Alla Schola l'educazione è intesa come l'arte di aiutare ciascuno a esprimere e realizzare le potenzialità di conoscenza e di autonomia che ogni uomo porta in sé. L'allenamento che i ragazzi compiono è un'accelerazione rispetto ai coetanei che oggi spesso vengono protetti dalle famiglie rispetto alle difficoltà della vita. Una tale protezione diventa pericolosa nel momento in cui dovranno affrontare scelte autonome. La Schola non si propone di formare giovani di successo ma giovani capaci di essere presenti e consapevoli di fronte allo svolgersi della propria vita. Ovviamente ciò plasma in loro anche indiscusse capacità. Molti ex allievi riconoscono in quei 5 anni il periodo di maggior intensità trascorso nella loro vita. Oggi più che mai nella nostra società c'è un impellente bisogno di ambienti formativi per l'adoloscenza, una fase di passaggio e di trasformazione fondamentale per lo sviluppo dell'individuo. La Schola è forse l'unico ambiente di questo tipo in Italia.

L'adolescenza

L'adolescenza è l'età in cui i ragazzi e le ragazze vogliono essere autosufficienti, cioè uscire dalla protezione famigliare e mettersi alla prova in prima persona. Sono anni ricchissimi e delicatissimi che richiedono grande cura e attenzione. Sappiamo da sempre che le esperienze vissute nell'adolescenza sono fondamentali per la crescita di un individuo autonomo e responsabile. Nella storia dell'uomo ogni civiltà ha affrontato questo passaggio di età con un progetto educativo specifico. La Schola è nata proprio per aiutare i ragazzi e i loro genitori ad affrontare questo periodo come un momento di formazione alla vita, anche attraverso gli scontri e le difficoltà inevitabili per la conquista di una vera autonomia, per la costruzione del proprio ideale e dei mezzi necessari a realizzarlo.